http://www.unile.it/
logo
  Home   webmail commenti, segnalazioni, etc.... login
     

logo ICISMI - OBIETTIVI E FINALITÀ logo  
 
#
 Obiettivi e finalità

Organizzare e mettere in rete gli studi e i contributi prodotti a livello locale, nazionale e internazionale sulle tematiche migratorie al fine di contribuire alla diffusione di un sapere non pregiudiziale, volto a ricondurre l'analisi e lo studio delle migrazioni entro una cornice teorica e scientifica interdisciplinare;

  • promuovere sul territorio attività di ricerca e di studio sul fenomeno migratorio e sulle tematiche ad esso correlate in un costante confronto tra il contesto dei Paesi di destinazione e quello dei Paesi di provenienza;
  • promuovere studi e analisi atti a costruire 'mappe' aggiornate dei processi migratori e riflessioni sulle loro cause ed effetti;
  • promuovere e/o collaborare ad attività di formazione (post-laurea, operatori, insegnanti) sui temi delle migrazioni, della convivenza e delle pratiche interculturali;
  • promuovere convenzioni con Enti, Istituzioni e Associazioni per le finalità previste dallo statuto;
  • organizzare attività comuni con Istituzioni, Centri studi e di ricerca, Dipartimenti e Istituti universitari sia a livello nazionale che internazionale;
  • organizzare incontri culturali, seminari, convegni, conferenze e produrre pubblicazioni su tematiche specifiche;
  • contribuire alla costituzione di un comune quadro di riferimento scientifico per studiosi che operano nello stesso campo.

L'I.C.I.S.MI. eredita l'esperienza pluriennale del Dottorato di ricerca di Sociologia delle migrazioni e delle culture e dell'Osservatorio Provinciale sull'Immigrazione (O.P.I.) di Lecce e di Brindisi. Tra gli scopi prioritari delle tre Istituzioni quello di svolgere indagini conoscitive sul fenomeno migratorio, al fine di evidenziarne caratteristiche, nodi problematici e sollecitare gli enti locali a cercare e fornire risposte efficaci.

In tale direzione, a partire dal 1986, sono stati effettuati rilevamenti periodici delle presenze immigrate sul territorio salentino, condotte indagini sul processo di adattamento delle varie comunità (immigrazione femminile, lavoro stagionale, inserimento scolastico della seconda generazione, inserimento della comunità rom, coppie miste, cpt) e organizzati convegni e Corsi d'aggiornamento per insegnati e operatori sociali.

 
#
 Metodologia e finalità delle attività di ricerca dell'OPI

La metodologia usata dall'équipe di ricerca, costituita da studiosi, dottori di ricerca, studenti e cittadini immigrati delle diverse comunità presenti sul territorio salentino, è stata quella della ricerca-azione: conoscere per agire e modificare l'esistente, producendo informazione/formazione sul territorio e creando collegamenti con altre strutture (enti, associazioni, ecc.) già operanti (o che dovessero attivarsi) a livello locale, nazionale e internazionale.

 
#
 Attività realizzate dall'OPI

Tra le attività realizzate si segnalano:

  • rilevamenti sulla presenza di cittadini immigrati sul territorio salentino (1986, 1992, 1998, 2001, 2004);
  • 1996: indagine sulla raccolta stagionale delle angurie, ad opera di forza lavoro immigrata, nell'area di Nardò/Collemeto/Galatina (Cfr. Perrone L., 2007, a cura di, TRANSITI E APPRODI. Studi e ricerche sull'universo immigratorio nel Salento, Franco Angeli, Milano, pp. 262.). Sul tema è stato prodotto anche un video (Sargeniscu), con la collaborazione di un'apposita équipe di video operatori, coordinata dal regista Davide Barletti;
  • 1997: indagine sulle presenze non nazionali nelle scuole salentine (Cfr. Perrone L., 2007, a cura di, 'Né qui né altrove. I figli degli immigrati nella scuola salentina', Sensibili alle foglie, Roma);
  • 1998-1999: indagine sul grado di adattamento della comunità Rom residente a Lecce, in collaborazione con il CNR (Cfr. Perrone L., 2007, a cura di, TRANSITI E APPRODI, cit.);
  • 1998-'99: attività di aggiornamento, formazione e consulenza scientifica nelle scuole sui temi dell'inserimento scolastico delle seconde generazioni e delle pratiche interculturali;
  • 1997-'99: convenzioni con i comuni di Trepuzzi (1997) e di Casarano (1998) per la realizzazione del progetto 'Stringi la mano all'ultimo arrivato' consistente in indagini conoscitive del territorio, seminari rivolti ad operatori sociali ed amministratori comunali, corsi di aggiornamento per gli insegnanti del territorio, formazione di biblioteche interculturali, musei etnografici, etc;
  • 1998: monitoraggio flussi migratori nella provincia di Brindisi, nell'ambito del progetto 'La torre di Babele' organizzato dall'Associazione Compagni di strada;
  • 1999: indagine sui flussi migratori nei Centri di accoglienza del Salento e nei Centri di permanenza temporanea (Cfr. Quarta E., 2006, Un'istituzione totale dei giorni nostri. I centri di 'accoglienza' e di 'permanenza temporanea'. Un'indagine sul campo, prefazione di Luigi Perrone, Guerini Scientifica, Milano);
  • 1999- 2000: monitoraggio del flusso di profughi provenienti dal Kosova e impatto con la società e l'economia albanese;
  • 1999: indagine su 'Scolarizzazione e grado di adattamento dei minori rom' (Cfr. Perrone L., 2007, a cura di, TRANSITI E APPRODI, cit.);
  • 2000-2001: indagine sulle coppie miste nel Salento (Cfr. De Luca R., Panareo M. R., 2006, Storie in transito. L'esperienza delle coppie miste nel Salento, Guerini, Roma);
  • 2003-2005: indagine su 'Immigrazione, associazionismo e servizi' (Cfr. Perrone L., 2007, a cura di, TRANSITI E APPRODI, cit.);
  • 2005: 'Indagine conoscitiva sul fenomeno immigratorio, accesso ai servizi e cittadinanza sociale' in provincia di Brindisi (Report);
  • il Progetto: 'Istituzione Osservatorio per le Politiche Migratorie - Provincia di Brindisi' e Università del Salento. POR PUGLIA 2000-2006 - Misura 3.4 azione d) - AVVISO n. 6/2006 - Determinazione Dirigenziale n. 832 del 02/11/06;
  • 2006-2008: Indagine conoscitiva sulla comunità Rom del Campo sosta Panareo (Report). Sul tema è stato prodotto anche un documentario etnografico Confini (78 minuti), con la collaborazione di un'apposita équipe di video operatori, coordinata dal regista Ervis Eshja e da Antonio Ciniero;
 
 
Dipartimento di Filosofia e Scienze Sociali - PALAZZO PARLANGELI
VIA STAMPACCHIA - 73100 Lecce